Archivi tag: Pasta

Quando sono sola a casa e arriva il momento del pranzo, dico sempre: “Oggi pasta in bianco”. Ultimamente lo dico spesso, perché mi scoccia preparare qualcosa di complicato solo per me. Alla fine, però, contano i fatti e il fatto è che dopo un paio di secondi cambio idea e comincio a sperimentare. E’ più forte di me; non riesco a pranzare con un piatto di pasta da ospedale, ho bisogno di mettermi ai fornelli e quale momento migliore per farlo se non quando non hai in giro nessuno? Oggi ho cucinato un buonissimo piatto di ditali con crema di piselli e philadelphia!

Ingredienti (per 1 persona):

  • 55 g di pasta
  • piselli surgelati (q.b)
  • mezzo cipollotto
  • 1 cucchiaio di philadelphia
  • sale
  • olio
  • parmigiano reggiano

Tagliate mezzo cipollotto a pezzetti e unite questi ai piselli in una pentola piena d’acqua. Salate e fate cuocere per circa 15/20 minuti. Terminata la cottura, frullate i piselli e unite un cucchiaio di philadelphia e un filo d’olio. Per rendere meno grumosa la crema di piselli, potete filtrarla e poi aggiungere in seguito la philadelphia; personalmente, dal momento che avevo troppa fame, ho saltato questo passaggio! Quando la pasta è pronta, scolatela e unite la crema. Completate con una spolverata di parmigiano.

E il pranzo per 1 è pronto:

Immagine

Buon appetito!

Annunci

Per la serie “pranzo veloce senza rinunciare al gusto”, ecco una ricetta super facile, ma in grado di soddisfare i palati di chi vuole sempre mangiare come si deve. Prima stavo per preparare una insipida insalata col tonno, quando ho visto i pomodorini e le acciughe e mi si accesa la lampadina: metto da parte l’insalata, prendo dei bei spaghetti e via, per un giorno largo ai carboidrati (ne ho mangiati solo 50 g, giuro)!

Ingredienti (per 1 persona):

  • 50 g di spaghetti
  • 5 pomodorini
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 acciughe sott’olio
  • olio
  • sale

Mettete a bollire l’acqua e, nel frattempo, iniziate a preparare il condimento per la pasta. In una padella soffriggete uno spicchio d’aglio tritato e, in seguito, unite i pomodorini precedentemente tagliati a pezzetti. Aggiungete mezzo bicchiere d’acqua per ottenere un po’ di sughetto e lasciate cucinare per un paio di minuti. Infine, quando l’acqua si sarà a poco a poco assorbita, mettete le acciughe. Non appena l’acqua bolle, salatela, aggiungete la pasta e cuocetela per i minuti richiesti dal tipo che usate. A cottura ultimata, mescolate la pasta nel composto di pomodorini e il piatto è pronto!

Ok le acciughe non si vedono, ma credetemi sulla parola, ci sono:

Immagine

Buon appetito!


Avete presente quando tornate a casa dopo il lavoro o, come nel mio caso, dall’università, aprite il frigo e al posto del cibo trovate il deserto? A me capita spesso e, davvero, non è una bella sensazione. Eppure, è proprio in questi casi drastici che libero la mia fantasia culinaria per cercare di mettere nel piatto qualcosa di commestibile. Mezz’oretta fa ho pranzato mettendo insieme ingredienti che, per fortuna, almeno a casa mia, si trovano sempre: pasta, della semplice mollica di pane e pomodorini di Pachino. Il risultato? Un buon primo piatto che assopisce la pancia brontolante e appaga anche il palato!

Ingredienti per 1 persona:

  • 55 g di capellini (potete utilizzare qualsiasi altro tipo di spaghetti)
  • mollica di pane (q.b)
  • parmigiano reggiano (q.b)
  • 4 pomodorini di Pachino
  • olio al peperoncino (potete sostituirlo con un semplice olio d’oliva)

Fate bollire l’acqua in una pentola e nel frattempo ponete la mollica e il parmigiano in una padella, e riscaldateli fino a quando raggiungeranno una bella doratura. Non appena l’acqua bolle, versate i capellini e cuocete per circa 4/5 minuti. Tagliate a spicchi 4 pomodorini di Pachino e uniteli alla mollica e al parmigiano. Terminata la cottura della pasta, rigiratela bene nel condimento e aggiungete un filo di olio aromatizzato al peperoncino, che darà quel tocco di piccantezza che non guasta mai!

Ed ecco il “salvapranzo”:

Immagine

Buon appetito!



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: