Archivi categoria: Primi

Quando sono sola a casa e arriva il momento del pranzo, dico sempre: “Oggi pasta in bianco”. Ultimamente lo dico spesso, perché mi scoccia preparare qualcosa di complicato solo per me. Alla fine, però, contano i fatti e il fatto è che dopo un paio di secondi cambio idea e comincio a sperimentare. E’ più forte di me; non riesco a pranzare con un piatto di pasta da ospedale, ho bisogno di mettermi ai fornelli e quale momento migliore per farlo se non quando non hai in giro nessuno? Oggi ho cucinato un buonissimo piatto di ditali con crema di piselli e philadelphia!

Ingredienti (per 1 persona):

  • 55 g di pasta
  • piselli surgelati (q.b)
  • mezzo cipollotto
  • 1 cucchiaio di philadelphia
  • sale
  • olio
  • parmigiano reggiano

Tagliate mezzo cipollotto a pezzetti e unite questi ai piselli in una pentola piena d’acqua. Salate e fate cuocere per circa 15/20 minuti. Terminata la cottura, frullate i piselli e unite un cucchiaio di philadelphia e un filo d’olio. Per rendere meno grumosa la crema di piselli, potete filtrarla e poi aggiungere in seguito la philadelphia; personalmente, dal momento che avevo troppa fame, ho saltato questo passaggio! Quando la pasta è pronta, scolatela e unite la crema. Completate con una spolverata di parmigiano.

E il pranzo per 1 è pronto:

Immagine

Buon appetito!


Premetto che, a mio parere, la cucina italiana sia la migliore al mondo e non vi sto a dire i motivi perché penso che li sappiamo tutti. Però sono una persona molto “open-minded” a cui piace scoprire nuovi piatti e sapori: non disdegno la cucina cinese, apprezzo piatti anglosassoni, ho provato il messicano, ho assaggiato le specialità giapponesi (e le ho subito messe da parte) e adoro le spezie di Paesi lontani. Come l’India. Da qui giunge il curry, spezia che ho scoperto un paio di anni fa e che mi è subito piaciuta. Il suo gusto, piccante ma non troppo, è perfetto per preparare piatti di pollo, di riso, zuppe e altro ancora. Io vi propongo un piatto che sicuramente avrete fatto almeno una volta nella vita, ma mi piacerebbe condividerlo con voi e scoprire se lo apprezzerete: riso al curry con pollo!

Ingredienti (per 2 persone):

  • 2 fette di petto di pollo
  • 2 cucchiai di curry
  • 1/2 cipolla
  • 4 pomodorini
  • 1 spicchio d’aglio
  • 130 g di riso
  • sale

Per prima cosa, tagliate i pollo a pezzetti e infarinateli, friggeteli e lasciateli da parte. Prendete una padella e versate un filo d’olio; schiacciate lo spicchio d’aglio e aggiungete la cipolla tritata e i pomodorini tagliati a pezzi. Fate soffriggete il tutto e, in seguito, togliete l’aglio. Aggiungete il curry e allungate il composto con 1/2 bicchiere d’acqua, quindi lasciate cucinare per 5 minuti. Infine, unite il pollo. Se la salsa si restringe troppo, potete allungarla aggiungendo un altro po’ d’acqua. Una volta cotta la salsa, cucinate il riso. Io l’ho semplicemente bollito e poi scolato, ma se conoscete altre tecniche di cottura, come quella pilaf, scegliete quella che preferite. Terminata la cottura del riso, unite la salsa e il piatto è pronto.

Speziato e buonissimo, il riso al curry è pronto:

IMG_4568

Buon appetito!


Per la serie “pranzo veloce senza rinunciare al gusto”, ecco una ricetta super facile, ma in grado di soddisfare i palati di chi vuole sempre mangiare come si deve. Prima stavo per preparare una insipida insalata col tonno, quando ho visto i pomodorini e le acciughe e mi si accesa la lampadina: metto da parte l’insalata, prendo dei bei spaghetti e via, per un giorno largo ai carboidrati (ne ho mangiati solo 50 g, giuro)!

Ingredienti (per 1 persona):

  • 50 g di spaghetti
  • 5 pomodorini
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 acciughe sott’olio
  • olio
  • sale

Mettete a bollire l’acqua e, nel frattempo, iniziate a preparare il condimento per la pasta. In una padella soffriggete uno spicchio d’aglio tritato e, in seguito, unite i pomodorini precedentemente tagliati a pezzetti. Aggiungete mezzo bicchiere d’acqua per ottenere un po’ di sughetto e lasciate cucinare per un paio di minuti. Infine, quando l’acqua si sarà a poco a poco assorbita, mettete le acciughe. Non appena l’acqua bolle, salatela, aggiungete la pasta e cuocetela per i minuti richiesti dal tipo che usate. A cottura ultimata, mescolate la pasta nel composto di pomodorini e il piatto è pronto!

Ok le acciughe non si vedono, ma credetemi sulla parola, ci sono:

Immagine

Buon appetito!


Ho scoperto da poco gli asparagi e rimpiango di non averlo fatto prima, perché sono davvero buoni. A casa mia non sono mai entrati, perché mia madre ha sempre pensato che non fossero buoni. Ma che senso ha? Una cosa prima si deve assaggiare e poi si dice se piace o no! Io assaggio qualsiasi cosa e, incuriosita dal sapore degli asparagi, ho acquistato quelli surgelati. Li ho provati in una dadolata di pesce spada (ricetta che posterò in seguito) e mi sono piaciuti così tanto che ho voluto provare una’altra ricetta in cui inserirli. Il risultato? Questo ottimo risotto, facile da preparare e buono da morire!

Ingredienti per 2 persone:

  • 120 g di riso
  • 1 cipollotto
  • mezzo bicchiere di prosecco (si dovrebbe usare il vino bianco, ma, non avendolo a disposizione, ho usato quest’ottima alternativa)
  • brodo vegetale (la quantità giusta per la cottura)
  • qualche tocchetto di emmenthal
  • parmigiano reggiano
  • 5 asparagi 

Soffriggete la cipolla a fuoco basso e aggiungete il riso per farlo tostare (non fatelo bruciare, il riso deve solo dorarsi per pochi minuti). Sfumate, quindi, con il prosecco e aggiungete la quantità necessaria di brodo per la cottura. Fate cuocere per circa 10 minuti. Nel frattempo, lessate in acqua salata gli asparagi e, successivamente, tagliateli a tocchetti. Mantecate il riso con il parmigiano e l’emmenthal e, infine, aggiungete gli asparagi.

Et voilà, un riso semplice da leccarsi i baffi:

Immagine

 

Buon appetito!


Avete presente quando tornate a casa dopo il lavoro o, come nel mio caso, dall’università, aprite il frigo e al posto del cibo trovate il deserto? A me capita spesso e, davvero, non è una bella sensazione. Eppure, è proprio in questi casi drastici che libero la mia fantasia culinaria per cercare di mettere nel piatto qualcosa di commestibile. Mezz’oretta fa ho pranzato mettendo insieme ingredienti che, per fortuna, almeno a casa mia, si trovano sempre: pasta, della semplice mollica di pane e pomodorini di Pachino. Il risultato? Un buon primo piatto che assopisce la pancia brontolante e appaga anche il palato!

Ingredienti per 1 persona:

  • 55 g di capellini (potete utilizzare qualsiasi altro tipo di spaghetti)
  • mollica di pane (q.b)
  • parmigiano reggiano (q.b)
  • 4 pomodorini di Pachino
  • olio al peperoncino (potete sostituirlo con un semplice olio d’oliva)

Fate bollire l’acqua in una pentola e nel frattempo ponete la mollica e il parmigiano in una padella, e riscaldateli fino a quando raggiungeranno una bella doratura. Non appena l’acqua bolle, versate i capellini e cuocete per circa 4/5 minuti. Tagliate a spicchi 4 pomodorini di Pachino e uniteli alla mollica e al parmigiano. Terminata la cottura della pasta, rigiratela bene nel condimento e aggiungete un filo di olio aromatizzato al peperoncino, che darà quel tocco di piccantezza che non guasta mai!

Ed ecco il “salvapranzo”:

Immagine

Buon appetito!


Dovete sapere che a casa mia siamo SEMPRE a dieta. Scusate il caps lock, ma questa sottolineatura è necessaria, al fine di rendervi chiara l’idea della mia condizione alimentare di ogni-santo-giorno. Ormai la dieta fa parte del nostro essere, e non perché ce ne sia davvero bisogno in fondo. Beh, un paio di mesi fa tutti nella mia famiglia abbiamo messo su qualche chiletto, ma fortunatamente la situazione è rientrata. Siamo in forma, stiamo bene, eppure continuiamo a privarci di qualcosa, nonostante potremmo facilmente evitarlo. E il risotto alla zucca, semplice, leggero e genuino, è proprio uno di quei piatti che costituisce la nostra dieta. E’ buonissimo, infatti la cosa che spesso mi sorprende è che i piatti che fanno bene alla salute sono anche golosi. Smettiamola con l’idea che “fare una dieta” significhi “fare la fame, mangiando cose che fanno schifo”. Non è per niente vero, e questo piatto ne è la chiara dimostrazione.

Ingredienti per 4 persone:

-250 g di riso (per 4 persone potrebbe sembrare poco, ma vi ripeto, la mia famiglia è pro “viver sani e belli”)
– 1/4 di zucca
– 1 cipolla
– brodo vegetale (io lo metto a occhio, ogni volta che il riso lo assorbe ne aggiungo un po’)
-1/2 bicchiere di vino bianco
– parmigiano reggiano a piacere
 
Per preparare la zucca, pulitela bene, tagliatela a cubetti e cuocetela aggiungendo del sale (la zucca è naturalmente dolce, per cui, salatela a dovere). Una volta che la zucca si sarà ammorbidita, potete iniziare la preparazione del riso. Soffriggete la cipolla a fuoco basso con un po’ d’olio d’oliva e non appena comincia a dorarsi aggiungete il riso e la zucca. Fate ben tostare il riso per un paio di minuti e, in seguito, versate il vino e, a poco a poco, il brodo. Fate cuocere per circa 15/20 minuti e fate attenzione che il riso non assorba tutto il brodo o finirà per bruciarsi (a me a volte è capitato ed è venuto fuori una vera schifezza). Finita la cottura, completate con una bella manciata di parmigiano!
 
Ecco il mio bel risotto:
Immagine
 
 
Buon appetito!


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: